giovedì 25 ottobre 2012

La #segretaria di #Bersani e lo schifo degli incarichi dirigenziali a contratto

Non sappiamo se sussista davvero il reato di truffa e abuso d'ufficio imputato a Zoia Veronesi, "storica segretaria" del segretario del Pd Bersani.
Una cosa, però, è certa: questa signora, per tenere l'agenda di Bersani e, per conto della regione Emilia Romagna "intrattenere rapporti con le istituzioni centrali e con il Parlamento" è stata inquadrata come dirigente. Senza alcun concorso.
È questo lo scandalo certo, ed infinito, degli incarichi dirigenziali "a contratto", assegnati "su base fiduciaria" direttamente dai politici ai propri "uomini di fiducia".
Un sistema perfetto per:
1) scaricare sulle casse pubbliche i costi degli apparati di partito;
2) gabbare i principi di imparzialità dell'azione amministrativa e di separazione tra funzioni dei politici da quelle dei dirigenti, creando dirigenti che altro non facciano se non applicare dettami politici all'azione amministrativa;
3) creare una dirigenza "parallela", collaterale alla politica, in conflitto perenne con la dirigenza di ruolo, rea di cercare di portare avanti le cose in modo imparziale.
È anche così che i costi della pubblica amministrazione impazziscono, mentre la qualità del lavoro scade. Eppure, nonostante sia chiarissimo l'insulto al bene comune che discende da questo sistema di cooptati dalla politica, lo si lascia ancora in piedi.
E il disegno di legge, che asseritamente dovrebbe lottare la corruzione, non solo, come ci si sarebbe aspettato, non abolisce la possibilità dei politici di crearsi dirigenti a contratto a propria immagine e somiglianza, ma addirittura codifica la possibilità - totalmente incostituzionale - di incaricarli senza concorso.

2 commenti:

  1. Egregio Dott. Olivieri, tutto cindivisibile peccato che la dirigenza parallela venga realizzata anche con i concorsi. Si è mai chiesto perchè sistematicamente vincono sempre gli interni precedentemente con incarichi a contratto?Lo schifo non è solo chi incarica ma anche chi è dentro nelle commissioni. Lo schifo è sul fatto che a tutti i livelli la professionalità non paga.

    RispondiElimina
  2. Infatti, anche gli incarichi interni costituiscono un vulnus inaccettabile al diritto e alla logica

    RispondiElimina

Printfriendly