martedì 20 gennaio 2015

aggiornato #province il Ministero della giustizia è il primo a "violare" la legge di stabilità

@Rilievoaiace: #province il Ministero della giustizia è il primo a violare la legge di stabilità http://ow.ly/HCGfb #mobilità #licenziamenti Conviene a tutti i dipendenti provinciali partecipare in massa all'avviso. Siamo davvero al caos.

Il tutto sarà anche legittimato dall'articolo 1 del "mille proroghe" (d.l. 192/2014), ma qual è l'opportunità di avviare un bando di mobilità aperto a tutti nella situazione normativa? E' evidente l'incoerenza tra legge di stabilità e milleproroghe, come evidente è che l'azione del Ministero poteva e doveva meglio ponderarsi, così da non sottrarre migliaia di possibili ricollocazioni e pregiudicare sul nascere un processo complicatissimo di ricollocazione di 20.000 dipendenti (si ricorda che annualmente il sistema degli enti locali effettua in media 4.600 assunzioni...).

7 commenti:

  1. marina santucci21 gennaio 2015 09:52

    Egregio dottore,
    pur volendo accogliere il suo invito ( Provinciali, partecipate in massa lla mobilià del Ministero delle Giustizia), mi domando che senso abbia l'art. 4 dell'avviso di mobilità (http://www.giustizia.it/giustizia/it/mg_1_8_1.wp?previsiousPage=mg_16_1&contentId=SDC1102637#mobilit%C3%A0) in cui è scritto " "il personale appartenente ad amministrazione diversa dai ministeri dovrà allegare ( alla domanda, ndr) altresì una dichiarazione della propria amministrazione , con la quale la stessa si impegna a 'procedere la versamento delle risorse corrispondenti al 50% del trattamento economicospettante al personale interessato al trasferimento', secondo le modalità che saranno stabilite con il dpcm previsto dall'art. 30, comma 2.3 del D, Lgs 165/2001, in corso di perfezionamento".
    Che senso ha questa prescrizione? taglia le gambe in partenza ai provinciali?

    RispondiElimina
  2. E' una previsione che non aiuta. E che mi pare anche illegittima. Vale, infatti, solo per la mobilità "obbligatoria" di cui all'art. 30, c. 2, del d.lgs 165/2001, per attuare il quale occorre un decreto di Palazzo Vidoni mai adottato, oppure una convenzione tra amministrazioni. Ma, tale convenzione dovrebbe precedere e non seguire l'avviso. Che appare configurato come mobilità volontaria (art. 30, c. 1) e non obbligatoria. Insomma un enorme pasticcio.

    RispondiElimina
  3. marina santucci21 gennaio 2015 14:04

    Egregio Dottore
    potrei sbagliare ma siamo di fronte all'ennesimo errore .
    L'avviso del ministero della giustizia è del 25/11/14, poi solo pubblicato in G.U. il 20 gennaio; per questo non tiene conto della legge di stabilità, che è stata approvata il 23/12/2104 (Legge 23.12.2014 n° 190 , G.U. 29.12.2014 ).
    E' corretto?

    RispondiElimina
  4. Non c'è il tempus regit actum. Si basano sul 1000 proroghe

    RispondiElimina
  5. Fiorella Baldelli22 gennaio 2015 14:45

    Egregio dottore (premesso che sono anch'io dirigente in un'Amministrazione Provinciale) vorrei il suo autorevole parere su un dubbio (angosciante) che ci è venuto. La giurisprudenza di Corte dei Conti e Consiglio di Stato afferma da tempo che una mobilità interna non è un'assunzione, perchè non elimina un posto di lavoro, ma si limita a spostarlo. La legge di stabilità dice che le assunzioni in violazione dei commi 424 e 425 dell'articolo unico legge di stabilità sono nulle. Non è che qualcuno (es. il MInistero della Giustizia di cui lei parla, ma sia chiaro che in questi giorni di bandi di mobilità in giro se ne trovano a centinaia) si mette a sostenere che i bandi di mobilità volontaria si possono fare tranquillamente, perchè non sono "assunzioni"?

    RispondiElimina
  6. Fiorella Baldelli22 gennaio 2015 15:45

    Un'altra considerazione.
    Noi dipendenti delle Province NON possiamo fare domanda in massa, poichè il bando esige, dal "personale appartenente ad amministrazione diversa dai ministeri" di allegare "una dichiarazione della propria amministrazione, con la quale la stessa si impegna a procedere al versamento delle risorse corrispondenti al 50% del trattamento economico spettante al personale interessato al trasferimento”, secondo le modalità che saranno stabilite con il D.P.C.M. previsto dall’art. 30, comma 2.3 del d.lgs. 165/2001, in corso di perfezionamento".
    Non so perchè, ma ho il sospetto che la maggior parte delle Province avrà qualche difficoltà a rilasciare a chicchessia la richiesta dichiarazione....

    RispondiElimina
  7. E' una tesi assurda e sbagliata. Qui il perchè: https://rilievoaiaceblogliveri.wordpress.com/2015/01/20/province-la-mobilita-volontaria-e-congelata/

    RispondiElimina

Printfriendly