giovedì 2 giugno 2016

Appalti: Modello di relazione unica finale (articolo 99)

L'articolo 99 del d.lgs 50/2016 prevede in via obbligatoria per gli appalti di valore superiore alla soglia comunitaria e qualora si attivi un sistema dinamico di acquisizione la redazione di una relazione finale. Analoga incombenza è prevista dall'articolo 139, per gli appalti nei settori speciali.
Essa, a ben vedere, altro non è che il riassunto di atti ed informazioni che comunque vengono gestiti. Appare largamente opportuno redigerla per qualsiasi procedura, anche come modalità di archiviazione e tracciamento delle attività svolte.
Di seguito, si propone un modello per la redazione, che è opportuno venga compilata progressivamente, man mano che le attività vengono svolte.


Sezione a)
nome della stazione appaltante
Comune di
indirizzo della stazione appaltante,
Via/piazza
oggetto dell’appalto
Lavori/servizio/fornitura di
valore dell'appalto, dell'accordo quadro o del sistema dinamico di acquisizione;

Sezione b)
risultati della selezione qualitativa e/o della riduzione dei numeri a norma degli articoli 91 e 92, ossia:
Il caso ricorre
o no
o
1) i nomi dei candidati o degli offerenti selezionati e i motivi della selezione;

2) i nomi dei candidati o degli offerenti esclusi e i motivi dell'esclusione

Sezione c)
motivi del rigetto delle offerte giudicate anormalmente basse
Il caso ricorre
o no
o
Sezione d)
nome dell'aggiudicatario

ragioni della scelta della sua offerta,



se è nota, la parte dell'appalto o dell'accordo quadro che l'aggiudicatario intende subappaltare a terzi;
E’ nota
o no
o


se noti al momento della redazione, i nomi degli eventuali subappaltatori del contraente principale;
Sono noti
o no
o


Sezione e) per le procedure competitive con negoziazione e i dialoghi competitivi
circostanze di cui all'articolo 59 che giustificano l'utilizzazione di tali procedure
a) per l'aggiudicazione di contratti di lavori, forniture o servizi in presenza di una o più delle seguenti condizioni:














1) le esigenze dell'amministrazione aggiudicatrice perseguite con l'appalto non possono essere soddisfatte senza adottare soluzioni immediatamente disponibili;
o no
o sì, perchè

2) implicano progettazione o soluzioni innovative;
o no
o sì, perchè

3) l'appalto non può essere aggiudicato senza preventive negoziazioni a causa di circostanze particolari in relazione alla natura, complessità o impostazione finanziaria e giuridica dell'oggetto dell'appalto o a causa dei rischi a esso connessi;
o no
o sì, perchè

4) le specifiche tecniche non possono essere stabilite con sufficiente precisione dall'amministrazione aggiudicatrice con riferimento a una norma, una valutazione tecnica europea, una specifica tecnica comune o un riferimento tecnico ai sensi dei punti da 2 a 5 dell’allegato XIII;
o no
o sì, perchè

b) per l'aggiudicazione di contratti di lavori, forniture o servizi.
in esito a una procedura aperta o ristretta, sono state presentate soltanto offerte irregolari o inammissibili ai sensi rispettivamente dei commi 3 e 4
o sì (vedi verbali allegati)
o no

Sezione f) procedure negoziate senza previa pubblicazione di un bando di gara
circostanze di cui all'articolo 63 che giustificano l'utilizzazione di tali procedure;

Sezione g)
eventualmente, le ragioni per le quali l'amministrazione aggiudicatrice ha deciso di non aggiudicare un appalto, concludere un accordo quadro o istituire un sistema dinamico di acquisizione;
Il caso ricorre
o no
o
Sezione h)
eventualmente, le ragioni per le quali per la presentazione delle offerte sono stati usati mezzi di comunicazione diversi dai mezzi elettronici;
Il caso ricorre
o no
o

Sezione i)
eventualmente, i conflitti di interesse individuati e le misure successivamente adottate.
Il caso ricorre
o no
o


Nessun commento:

Posta un commento

Printfriendly