lunedì 1 maggio 2017

Assunzioni: schema dei tetti per il personale a tempo indeterminato

Schema dei vari e complessi tetti per le assunzioni per gli anni 2017 e 2018, in attesa delle ulteriori variazioni che deriveranno dall'attuazione della riforma Madia e, verosimilmente, dal nuovo Ccnl.

Anno
Tipo di ente
% turn over
Condizioni
Qualifiche
2017Enti fino a 1.000 abitanti100% cessazioni anno precedente cumulabili dal 2007NoNon dirigenziali
2017Unioni di comuni ed enti istituti a seguito di fusione nel 2011Regime più favorevole tra:
100% cessazioni anno precedente cumulabili da 2007 o 2011
100% costo delle cessazioni anno precedente
NoNon dirigenziali
2017Da 1.000 a 10.00025% costo delle cessazioni anno precedenteSe non rispettano il rapporto dipendenti/popolazione previsto per gli enti strutturalmente deficitari[1]Non dirigenziali
Da 1.000 a 10.00075% costo delle cessazioni anno precedenteSe rispettano il rapporto dipendenti/popolazione previsto per gli enti strutturalmente deficitariNon dirigenziali
2017Oltre 10.00025% costo delle cessazioni anno precedenteSe non rispettano il rapporto dipendenti/popolazione previsto per gli enti strutturalmente deficitariNon dirigenziali
Oltre 10.00075% costo delle cessazioni anno precedenteSe rispettano il rapporto dipendenti/popolazione previsto per gli enti strutturalmente deficitariNon dirigenziali
2017Enti fino a 1.000 abitanti0% secondo la Corte dei conti
80% costo cessazioni anno precedente, se si intende che l’articolo 1, comma 219, della legge 208/2015 sia già disapplicato
L’entrata in vigore del decreto legislativo attuativo della riforma Madia dovrebbe sbloccare le assunzioni. Resta da capire se resterà davvero l’80%, in applicazione dell’articolo 3, comma 5, del d.l. 90/2014Dirigenziali
2017Unioni di comuni ed enti istituti a seguito di fusione nel 20110% secondo la Corte dei conti
80% costo cessazioni anno precedente, se si intende che l’articolo 1, comma 219, della legge 208/2015 sia già disapplicato
L’entrata in vigore del decreto legislativo attuativo della riforma Madia dovrebbe sbloccare le assunzioni. Resta da capire se resterà davvero l’80%, in applicazione dell’articolo 3, comma 5, del d.l. 90/2014Dirigenziali
2017Da 1.000 a 10.0000% secondo la Corte dei conti
80% costo cessazioni anno precedente, se si intende che l’articolo 1, comma 219, della legge 208/2015 sia già disapplicato
L’entrata in vigore del decreto legislativo attuativo della riforma Madia dovrebbe sbloccare le assunzioni. Resta da capire se resterà davvero l’80%, in applicazione dell’articolo 3, comma 5, del d.l. 90/2014Dirigenziali
Da 1.000 a 10.0000% secondo la Corte dei conti
80% costo cessazioni anno precedente, se si intende che l’articolo 1, comma 219, della legge 208/2015 sia già disapplicato
L’entrata in vigore del decreto legislativo attuativo della riforma Madia dovrebbe sbloccare le assunzioni. Resta da capire se resterà davvero l’80%, in applicazione dell’articolo 3, comma 5, del d.l. 90/2014Dirigenziali
2017Oltre 10.0000% secondo la Corte dei conti
80% costo cessazioni anno precedente, se si intende che l’articolo 1, comma 219, della legge 208/2015 sia già disapplicato
L’entrata in vigore del decreto legislativo attuativo della riforma Madia dovrebbe sbloccare le assunzioni. Resta da capire se resterà davvero l’80%, in applicazione dell’articolo 3, comma 5, del d.l. 90/2014Dirigenziali
Oltre 10.0000% secondo la Corte dei conti
80% costo cessazioni anno precedente, se si intende che l’articolo 1, comma 219, della legge 208/2015 sia già disapplicato
L’entrata in vigore del decreto legislativo attuativo della riforma Madia dovrebbe sbloccare le assunzioni. Resta da capire se resterà davvero l’80%, in applicazione dell’articolo 3, comma 5, del d.l. 90/2014Dirigenziali
2018Enti fino a 1.000 abitanti100% cessazioni anno precedente cumulabili dal 2007NoNon dirigenziali
2018Unioni di comuni ed enti istituti a seguito di fusione nel 2011Regime più favorevole tra:
100% cessazioni anno precedente cumulabili da 2007 o 2011
100% costo delle cessazioni anno precedente
NoNon dirigenziali
2018Da 1.000 a 10.00025% costo delle cessazioni anno precedenteSe non rispettano il rapporto dipendenti/popolazione previsto per gli enti strutturalmente deficitariNon dirigenziali
Da 1.000 a 10.00075% costo delle cessazioni anno precedenteSe rispettano il rapporto dipendenti/popolazione previsto per gli enti strutturalmente deficitariNon dirigenziali
Da 1.000 a 10.00090% costo delle cessazioni anno precedenteSe rispettano il rapporto dipendenti/popolazione previsto per gli enti strutturalmente deficitari e se rispettano il pareggio di bilancio, lasciando spazi finanziari inutilizzati inferiori all’1% delle entrate (cd overshooting)Non dirigenziali
2018Oltre 10.00025% costo delle cessazioni anno precedenteSe non rispettano il rapporto dipendenti/popolazione previsto per gli enti strutturalmente deficitariNon dirigenziali
Oltre 10.00075% costo delle cessazioni anno precedenteSe rispettano il rapporto dipendenti/popolazione previsto per gli enti strutturalmente deficitariNon dirigenziali
Oltre 10.00090% costo delle cessazioni anno precedenteSe rispettano il rapporto dipendenti/popolazione previsto per gli enti strutturalmente deficitari e se rispettano il pareggio di bilancio, lasciando spazi finanziari inutilizzati inferiori all’1% delle entrate (cd overshooting)Non dirigenziali
2018Enti fino a 1.000 abitanti100% costo cessazioni anno precedente, se si intende che l’articolo 1, comma 219, della legge 208/2015 sia già disapplicatoL’entrata in vigore del decreto legislativo attuativo della riforma Madia dovrebbe sbloccare le assunzioni. Resta da capire se resterà davvero il 100%, in applicazione dell’articolo 3, comma 5, del d.l. 90/2014Dirigenziali
2018Unioni di comuni ed enti istituti a seguito di fusione nel 2011100% costo cessazioni anno precedente, se si intende che l’articolo 1, comma 219, della legge 208/2015 sia già disapplicatoL’entrata in vigore del decreto legislativo attuativo della riforma Madia dovrebbe sbloccare le assunzioni. Resta da capire se resterà davvero il 100%, in applicazione dell’articolo 3, comma 5, del d.l. 90/2014Dirigenziali
2018Da 1.000 a 10.000100% costo cessazioni anno precedente, se si intende che l’articolo 1, comma 219, della legge 208/2015 sia già disapplicatoL’entrata in vigore del decreto legislativo attuativo della riforma Madia dovrebbe sbloccare le assunzioni. Resta da capire se resterà davvero il 100%, in applicazione dell’articolo 3, comma 5, del d.l. 90/2014Dirigenziali
Da 1.000 a 10.000100% costo cessazioni anno precedente, se si intende che l’articolo 1, comma 219, della legge 208/2015 sia già disapplicatoL’entrata in vigore del decreto legislativo attuativo della riforma Madia dovrebbe sbloccare le assunzioni. Resta da capire se resterà davvero il 100%, in applicazione dell’articolo 3, comma 5, del d.l. 90/2014Dirigenziali
2018Oltre 10.000100% costo cessazioni anno precedente, se si intende che l’articolo 1, comma 219, della legge 208/2015 sia già disapplicatoL’entrata in vigore del decreto legislativo attuativo della riforma Madia dovrebbe sbloccare le assunzioni. Resta da capire se resterà davvero il 100%, in applicazione dell’articolo 3, comma 5, del d.l. 90/2014Dirigenziali
Oltre 10.000100% costo cessazioni anno precedente, se si intende che l’articolo 1, comma 219, della legge 208/2015 sia già disapplicatoL’entrata in vigore del decreto legislativo attuativo della riforma Madia dovrebbe sbloccare le assunzioni. Resta da capire se resterà davvero il 100%, in applicazione dell’articolo 3, comma 5, del d.l. 90/2014Dirigenziali
Assunzioni nella polizia locale (d.l. 14/2017, convertito in legge 48/2017)
Anno
Tipo di ente
Capacità assunzionali aggiuntive
Condizioni
2017
Tutti
80% costo cessazioni del personale di polizia locale del 2016
Rispetto del pareggio di bilancio e del tetto di spesa del personale
2018
Tutti
100% costo cessazioni del personale di polizia locale del 2016
Rispetto del pareggio di bilancio e del tetto di spesa del personale
Cumulo resti assunzionali triennio precedente al 2016 (2013-2015)
- Tetto assunzioni del 2013:
40% del costo del personale cessato l’anno precedente (con riduzione al 50% dell'onere per le assunzioni del personale destinato allo svolgimento delle funzioni in materia di polizia locale, di istruzione pubblica e del settore sociale);
- Tetto assunzioni del 2014:
60% del costo del personale cessato l’anno precedente; la percentuale sale all’80% per gli enti con un rapporto spesa del personale/spesa corrente inferiore al 25% (articolo 3, comma 5-quater, d.l. 90/2014, convertito in legge 114/2014);
- Tetto assunzioni del 2015:
60% del costo del personale cessato l’anno precedente; la percentuale sale al 100% per gli enti con un rapporto spesa del personale/spesa corrente inferiore al 25% (articolo 3, comma 5-quater, d.l. 90/2014, convertito in legge 114/2014).


[1] DM 10 aprile 2017 (triennio 2017-2019):
a) comuni fino a 499 abitanti, 1/59 (era 1/78 col DM 14.7.204);
b) comuni da 500 a 999 abitanti, 1/106 ( era 1/103 col DM 14.7.204);
c) comuni da 1.000 a 1.999 abitanti, 1/128 (era 1/123 col DM 14.7.204);
d) comuni da 2.000 a 2.999 abitanti, 1/142 (era 1/137 col DM 14.7.204);
e) comuni da 3.000 a 4.999 abitanti, 1/150 (era 1/143 col DM 14.7.204);
f) comuni da 5.000 a 9.999 abitanti, 1/159 (era 1/151 col DM 14.7.204);
g) comuni da 10.000 a 19.999 abitanti, 1/158 (era 1/145 col DM 14.7.204);
h) comuni da 20.000 a 59.999 abitanti, 1/146 (era 1/133 col DM 14.7.204);
i) comuni da 60.000 a 99.999 abitanti, 1/126 (era 1/117 col DM 14.7.204);
j) comuni da 100.000 a 249.999 abitanti, 1/116 (era 1/107 col DM 14.7.204);
k) comuni da 250.000 a 499.999 abitanti, 1/89 (era 1/79 col DM 14.7.204);
l) comuni con oltre 500.000 abitanti 1/84 (era 1/75 col DM 14.7.204).

Nessun commento:

Posta un commento

Printfriendly