venerdì 4 agosto 2017

Province: il disastro della riforma raccontato dall'Ufficio Valutazione Impatto del Senato. E nessuno pagherà

L'Ufficio Valutazione Impatto del Senato racconta qui una delle più devastanti e disastrose riforme mai attuate in Italia: quella delle province.

La lettura interessante parte da pagina 41, quando si affrontano i temi finanziari, che confermano quanto chi scrive ha sempre evidenziato: un disastro programmatorio, che per altro non ha nemmeno consentito di ridurre nè spesa pubblica, nè tassazione.
Di fronte all'evidenza di queste macerie, chi ha proposto e sostenuto la riforma dovrebbe essere messo alla porta per sempre dalle istituzioni e dalla stampa. Ovviamente, non avverrà.

5 commenti:

  1. Mi permetto di amplificare la notizia (citando la fonte).
    L'unico impedimento alla totale condivisione dell'articolo è l'assenza di un richiamo alla punizione corporale dei responsabili.

    RispondiElimina
  2. Insieme alla riforma degli appalti, quella delle province rappresenta l'evidenza della distanza siderale tra quanto raccontato dai giornali e i fatti. Due catastrofi, utili solo a corrotti e populisti, sono state fatte diventare due grandi riforme.

    RispondiElimina
  3. e che dire della norma che attribuisce alle province la funzione delle stazioni appaltanti che non assicurano per mancanza di personale e fondi necessari al loro funzionamento impedendo così l'autonomia di un Comune di 55 mila abitanti a svolgere gare d'appalto?

    RispondiElimina
  4. LE riforme per la distruzione della comunità denominata Stato. Un codice Appalti da pazzi, che minaccia danno erariale ad ogni riga, una riforma delle provincie da dementi, una riforma della pubblica amministrazione che riguarda solo i dipendenti e che rendi tutti precari per essere più facilmente addomesticabili dal potere politico ( invece di rivedere procedure e metodi..). Insomma questi ultimi anni sono un disastro, ma con persone come Del Rio e Madia cosa pensavate che succedesse ?

    RispondiElimina
  5. ma chi sono i due giornalisti a cui si riferisce l'articolo, cha hanno sostenuto la riforma?

    RispondiElimina

Printfriendly