lunedì 29 maggio 2017

Modello lettera invito gara informale art. 36, comma 2, lettere a) (se si vuole) e b), aggiornato al Corettivo




                                                                                                         
Spett.

Oggetto: invito a presentare offerta nell’ambito della gara informale per l’individuazione dell’operatore economico ch eseguirà la prestazione della fornitura/del servizio di ............................................. CIG …...................



Vi invito a presentare la Vostra offerta per l’affidamento della prestazione in oggetto, alle condizioni di seguito specificate.

1.      Oggetto del servizio.
1.      La prestazione consiste nella fornitura/nel servizio di...........................................

2.      Requisiti – Soccorso istruttorio
1.      Codesto operatore economico deve dimostrare di essere in possesso dei seguenti requisiti.
2.      Requisiti di idoneità professionale.
a.       iscrizione nel registro della camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura o nel registro delle commissioni provinciali per l'artigianato, o presso i competenti ordini professionali;
b.      SE COOPERATIVA SOCIALE iscrizione nell’albo regionale ____
c.       SE OPERATORE ECONOMICO CHE DEVE POSSEDE UN ACCREDITAMENTO: iscrizione nel registro (regionale, provinciale, etc.) degli enti accreditati per ______, al n. _____;
d.      Ecc…
3.      Requisiti di capacità economica e finanziaria SCEGLIERE LE VARIE OPZIONI
a.       documentazione a comprova del fatturato minimo annuo (NB non può comunque superare il doppio del valore stimato dell'appalto, salvo in circostanze adeguatamente motivate relative ai rischi specifici connessi alla natura dei lavori, servizi e forniture, oggetto di affidamento), compreso un determinato fatturato minimo nel settore di attività oggetto dell'appalto, pari ad euro _____;
b.      documentazione che informi riguardo al proprio conto annuale, evidenziando in particolare i rapporti tra attività e passività;
c.       un livello adeguato di copertura assicurativa contro i rischi professionali.
4.      La prova della capacità economica e finanziaria dell'operatore economico può essere fornita mediante uno o più mezzi di prova indicati nell'allegato XVII, parte I[1], al d.lgs 50/2016. L'operatore economico, che per fondati motivi non è in grado di presentare le referenze chieste dall'amministrazione aggiudicatrice, può provare la propria capacità economica e finanziaria mediante un qualsiasi altro documento considerato idoneo dalla stazione appaltante.
5.      Requisiti relativi alle capacità tecniche e professionali.
a.       possesso, per assicurare un adeguato standard di qualità, di almeno:
                                                              i.      le seguenti risorse umane _____
                                                            ii.      le seguenti risorse tecniche _____
                                                          iii.      la seguente esperienza necessaria _____
                                                          iv.      ______.
6.      Le capacità tecniche possono essere dimostrate con uno o più mezzi di prova di cui all'allegato XVII, parte II[2], al d.lgs 50/2016.
7.      Le carenze di qualsiasi elemento formale della domanda possono essere sanate attraverso la procedura di soccorso istruttorio di cui all’articolo 83, comma 9, del d.lgs 50/2014, che qui intende integralmente richiamato.
8.      Codesto operatore economico, inoltre, deve dimostrare di essere in regola ai sensi delle previsioni dell’articolo 80 del d.lgs 50/2016, utilizzando allo scopo l’apposito modulario per le necessarie dichiarazioni sostitutive e di certificazioni messo a disposizione con la presente lettera di invito. Allo scopo, questa stazione appaltante accetta anche il documento di gara unico europeo (DGUE).

3.      Base di gara – criterio di aggiudicazione.
1.      L’importo a base di gara della prestazione è quantificato in euro................. oltre Iva. EVENTUALE Si specifica che si tratta di un contratto, in modalità “a consumo”.
2.       La prestazione viene aggiudicata con il criterio SCEGLIERE L’OPZIONE
a.      del massimo ribasso (EVENTUALE unico sull'elenco prezzi posti a base di gara), poiché, come specificato nella determinazione a contrattare n. ____, in data ____ si tratta di servizio/fornitura con caratteristiche standardizzate o le cui condizioni sono definite dal mercato OPPURE  di servizio/fornitura di importo inferiore alla soglia di cui all'articolo 35 del d.lgs 50/2016, caratterizzato/a da elevata ripetitività e non avente notevole contenuto tecnologico o carattere innovativo;
b.      dell’offerta economicamente più vantaggiosa, valutata sui criteri oggettivi stabiliti dall’allegato sub A alla presente lettera.
3.      Il prezzo contrattuale comprenderà tutte le prestazioni, i costi complessivi e globali necessari alla corretta esecuzione della fornitura.
4.      I concorrenti, nel formulare le offerte economiche, dovranno considerare tutte le circostanze generali e speciali che possono influire sulla prestazione.

4.      Modalità di apertura delle offerte
1.      L’apertura dei plichi avrà luogo il giorno …...........alle ore 12.00 nella sede del Servizio …................. del Comune di/la Provincia di ______in via _____.
2.      Sono ammessi ad assistere alla seduta pubblica i rappresentanti legali delle ditte partecipanti o loro delegati.

5.      Espletamento della prestazione e oneri a carico dell’appaltatore.
1.      La prestazione in oggetto dovrà essere conforme al capitolato tecnico e si allega alla presente, sub B.

6.      EVENTUALE Clausola sociale
1.      Trattandosi di prestazione diversa da servizi aventi natura intellettuale ma qualificabile come ad alta intensità di manodopera perché il costo della manodopera è pari o superiore al 50% dell’importo totale del contratto, si prevede di avvalersi della facoltà concessa dall’articolo 36, comma 2, del d.lgs 50/2016 di inerire la presente clausola sociale, volta a promuovere la stabilità occupazionale del personale impiegato dal precedente appaltatore ______, il cui elenco è contenuto nell’allegato sub C.
2.      In particolare, codesto operatore economico, qualora aggiudicatario, dovrà applicare i contratti collettivi di settore di cui all’articolo 51 del decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81.
IN ALTERNATIVA           
Trattandosi di prestazione il cui importo rientra nelle soglie previste dall’articolo 36, comma 2, del d.lgs 50/2016, ci si avvale della facoltà di non prevedere alcuna clausola sociale.

7.      Lotti[3]
1.      La fornitura/il servizio viene suddiviso nei seguenti lotti prestazionali:
a.       ______
b.      ______
c.       ______;
2.      le offerte possono essere presentate per un solo lotto, OPPURE per tutti OPPURE, per i seguenti: ____
3.      OPPURE Non si suddivide la prestazione in oggetto in lotti, per la seguente motivazione: ___

8.      Caratteristiche dell’offerta.
1.      L'offerta è vincolante per 180 giorni successivi alla data di scadenza del termine per la presentazione ed avrà valore di proposta contrattuale irrevocabile ai sensi dell'art. 1329 C.C. La stazione appaltante può chiedere a codesto operatore economico il differimento di detto termine.
2.      Mentre con la presentazione dell'offerta codesto operatore economico è immediatamente obbligato nei confronti della stazione appaltante ad effettuare la prestazione nei modi e nei termini della stessa e della presente lettera, per la stazione appaltante il rapporto obbligatorio nascerà solo successivamente alla sottoscrizione del contratto da parte del Dirigente e del legale rappresentante dell’aggiudicatario, EVENTUALE mediante lo scambio di lettere, secondo gli usi commerciali.

9.      Termine e modalità di presentazione dell’offerta
1.      L’offerta dovrà pervenire al protocollo della stazione appaltante ______, entro le ore 12,00 del ____.
2.      L’offerta dovrà essere datata e sottoscritta, per esteso e in modo leggibile, dal titolare/rappresentante dell'ente offerente.
3.      EVENTUALE SE SI PROCEDE IN VIA CARTACEA Sul modulo offerta economica dovrà essere apposta una marca da bollo pari ad euro 16,00.
4.      Codesto operatore economico non può presentare più di un’offerta.

10.  Regole attinenti alle comunicazioni
1.      EVENTUALE NEL CASO DI UTILIZZO DI ME.PA. O STRUMENTI ANALOGHI. La presente procedura di gara avviene avvalendosi del Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (o analogo), che, ai sensi dell’articolo 3, comma 1, lettera bbbb) del d.lgs 50/2016 è “uno strumento di acquisto e di negoziazione che consente acquisti telematici per importi inferiori alla soglia di rilievo europeo basati su un sistema che attua procedure di scelta del contraente interamente gestite per via telematica”. Pertanto, le comunicazioni relative alla procedura di gara avverranno applicando gli strumenti previsti dalla piattaforma. Laddove sia la piattaforma a consentire o prevedere comunicazioni diverse da quelle elettroniche, ivi comprese quelle cartacee, come per esempio per l’invio di campioni e certificazioni di prova o documenti difficilmente riproducibili o leggibili per via informatica, le comunicazioni avverranno nei formati consentiti dalla piattaforma Me.Pa.
2.      OPPURE In deroga a quanto previsto dall’articolo 52, comma 1, primo e secondo periodo[4], del d.lgs 50/2016 non si effettuano comunicazioni per via esclusivamente elettronica, poiché questa stazione appaltante non dispone delle attrezzature specializzate necessarie allo scopo.


11.  Documentazione da allegare all’offerta
1.      A pena di esclusione dalla gara, la documentazione richiesta e di seguito elencata dovrà essere contenuta in due distinti plichi, sigillati con ceralacca o altro e controfirmati sui lembi di chiusura dal titolare dell'impresa o dal legale rappresentante se Società o Ente cooperativo. I plichi dovranno riportare rispettivamente le seguenti diciture:
a.       plico n. 1 - “documentazione amministrativa”;
b.      plico n. 2 – “offerta economica”.
2.      Un ulteriore altro plico, n. 3, dovrà contenere le documentazioni di cui al plico 1) e 2) e dovrà pervenire sigillato con ceralacca o altro e controfirmano sui lembi di chiusura.
3.      Il plico n. 1 dovrà contenere i seguenti documenti:
1.      fotocopia di un documento di riconoscimento (patente, carta d'identità, passaporto, ecc), in corso di validità, del soggetto che sottoscrive l'offerta3;
2.      la presente lettera, completa di allegati e firmata per accettazione;
3.      lettera commerciale in duplice originale, che dovrà essere compilata e sottoscritta per esteso e in modo leggibile dal titolare/legale rappresentante dell'ente; entrambi gli originali dovranno essere trasmessi a questa stazione appaltante, che, in seguito all'eventuale aggiudicazione, ne restituirà uno controfirmato ai fini della stipulazione del contratto;
4.      il modello “Allegato D” debitamente compilato in ogni sua parte o in alternativa il Dgue.
4.      Il plico n. 2 dovrà contenere il “Modulo offerta gara”, predisposto dalla stazione appaltante, interamente compilato con l’indicazione del ribasso e corredato di una marca da bollo pari ad euro 16,00.
5.      Il modulo offerta economica, la presente lettera, la lettera commerciale, il modulo dichiarazioni sostitutive dovranno essere datati e sottoscritti per esteso e in modo leggibile dai titolari/legali rappresentanti.
6.      Sul contenitore e su ogni plico dovranno essere riportate le indicazioni riguardanti il mittente, l’indirizzo dell’Amministrazione appaltante e la dicitura “offerta per la gara informale del giorno...................- ore 12,00 - relativa a________”

12.  Dgue
1.      A pena di esclusione, il concorrente dovrà predisporre (EVENTUALE: NEL CASO DI GARE MEPA e caricare a Sistema nell’apposita sezione denominata “DGUE”) il Documento di gara unico europeo, in conformità al modello allegato (EVENTUALE: NEL CASO DI GARA MEPA alla presente Lettera di Richiesta d’Offerta).
2.      Il documento dovrà sempre a pena di esclusione dalla procedura essere sottoscritto con firma digitale dal legale rappresentante del concorrente avente i poteri necessari per impegnare l’impresa nella presente procedura.
3.      In caso di subappalto il DGUE dovrà essere prodotto anche da parte delle imprese subappaltatrici.
4.      In caso di procuratore i cui poteri non siano riportati sulla CCIAA, dovrà essere prodotta la procura (EVENTUALE: IN CASO DI GARE MEPA nell’apposita sezione del Sistema denominata “Eventuali procure”, come nel seguito meglio indicato).
5.      Ogni DGUE deve essere compilato in conformità alle Linee Guida predisposte dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT), nonché delle linee guida eventualmente adottate dall’A.N.AC. o eventualmente delle seguenti ulteriori istruzioni.
6.      Con tale documento il concorrente dovrà, tra le altre cose, autodichiarare ai sensi del DPR n. 445/2000:
a.       il possesso di tutti i requisiti di cui all’art. 80 D.lgs. 50/2016;
b.      l’assenza delle cause di incompatibilità di cui all’art. 53, co. 16-ter, del D.lgs. n. 165/2001 nei confronti della stazione appaltante;
c.       l’intenzione, o meno, di ricorrere al subappalto e, nelle ipotesi previste nell’art. 105 comma 6 del D. Lgs. n. 50/2016, la terna dei subappaltatori; in tal caso, ogni subappaltatore dovrà produrre un DGUE apposito firmato digitalmente da soggetto munito di idonei poteri, con il quale lo stesso fornisca le informazioni di cui alle sezioni A e B della parte II, della parte III e della parte IV del DGUE allegato, per ognuno dei subappaltatori;
7.      Le cause di esclusione di cui all’art. 80 del D. Lgs. n. 50/2016 non si applicano alle aziende o società sottoposte a sequestro o confisca ai sensi dell'articolo 12-sexies del DL n. 306/1992, convertito, con modificazioni, dalla L. 356/1992 o degli artt. 20 e 24 del D. Lgs. n. 159/2011, ed affidate ad un custode o amministratore giudiziario o finanziario, limitatamente a quelle riferite al periodo precedente al predetto affidamento.
8.      Per quanto riguarda le ipotesi (antimafia) previste al comma 2 dell’art. 80 è necessario indicare nell'apposito riquadro del DGUE (Parte III, sez. D) il riferimento ai soggetti previsti dal decreto legislativo n. 159/2011.
9.      Tutte le dichiarazioni sull’assenza delle cause di esclusione di cui all’art. 80, comma 1, del D. Lgs. n. 50/2016, dovranno essere rese dal legale rappresentante del concorrente o da soggetto munito di idonei poteri per tutti i soggetti che rivestono le cariche di cui all’art. 80, comma 3, del D. Lgs. n. 50/2016 (ovvero il titolare o il direttore tecnico, se si tratta di impresa individuale; i soci o il direttore tecnico, se si tratta di società in nome collettivo; i soci accomandatari o il direttore tecnico, se si tratta di società in accomandita semplice; i membri del consiglio di amministrazione cui sia stata conferita la legale rappresentanza, di direzione o di vigilanza o i soggetti muniti di poteri di rappresentanza, di direzione o di controllo, il direttore tecnico o il socio unico persona fisica, ovvero il socio di maggioranza in caso di società con meno di quattro soci, se si tratta di altro tipo di società o consorzio, i soggetti cessati dalla carica nell'anno antecedente la data di inoltro della presente Lettera di Richiesta d’Offerta e comunque fino alla presentazione dell’offerta).
10.  Si precisa inoltre che in caso di cessione/affitto d’azienda o di ramo d’azienda, incorporazione o fusione societaria intervenuta nell'anno antecedente la data di inoltro della presente Lettera di invito/di Richiesta d’Offerta e comunque sino alla data di presentazione dell’offerta, le dichiarazioni di cui all’art. 80 del D.lgs. 50/2016 dovranno essere rese anche con riferimento ai soggetti indicati dal medesimo articolo, che hanno operato presso la impresa cedente/locatrice, incorporata o le società fusesi nell'anno antecedente la data di inoltro della presente Lettera di invito/Richiesta d’Offerta e comunque sino alla data di presentazione dell’offerta e ai cessati dalle relative cariche nel medesimo periodo, che devono considerarsi “soggetti cessati” per il concorrente.
11.  Si precisa infine che nel caso di società con due soli soci persone fisiche i quali siano in possesso, ciascuno, del cinquanta per cento (50 %) della partecipazione azionaria, le dichiarazioni previste ai sensi dell’art. 80, del D.Lgs. n. 50/2016 devono essere rese da entrambi i suddetti soci.
12.  Nel caso in cui nel DGUE siano dichiarate condanne o conflitti di interesse o fattispecie relative a risoluzioni o altre circostanze idonee ad incidere sull’integrità o affidabilità del concorrente (di cui all’art. 80, commi 1 e 5 del D. Lgs. n. 50/2016, sulla base delle indicazioni rese nelle Linee Guida dell’A.N.AC.) e siano state adottate misure di self cleaning, dovranno essere prodotti tutti i documenti pertinenti (ivi inclusi i provvedimenti di condanna) al fine di consentire alla stazione appaltante ogni opportuna valutazione.
13.  1. EVENTUALE – ELIMINARE CIO’ CHE NON INTERESSA Ai fini della compilazione del DGUE si precisa:
a.       non è richiesto il Cup;
b.      non è richiesto il Codice progetto;
c.       non si tratta di appalto riservato;
d.      non è richiesta l’attestazione Soa;
e.       non è prevista la suddivisione in lotti;
f.       non è richiesto il fatturato annuo;
g.      non sono richiesti indici finanziari;
h.      non è richiesta l’indicazione dell’assicurazione per la copertura contro i rischi professionali;
i.        non è richiesta la comprova di capacità tecniche e professionali (articolo 83, comma 1, lettera c), del codice); per quanto riguarda i campioni, si applica quanto previsto dal presente capitolato;
j.        non sono richiesti sistemi di garanzia della qualità e norme di gestione ambientale
k.      non è prevista la riduzione del numero di candidati qualificati.

13.  Contenuto dell’offerta
1.      L'offerta presentata, a pena di esclusione, IN CASO DI RIBASSO dovrà indicare il ribasso offerto in misura percentuale sulla base di gara, che dovrà essere espresso in cifre e in lettere (in caso di difformità si prenderà in considerazione l'offerta in lettere); IN CASO DI OFFERTA ECONOMICAMENTE Più VANTAGGIOSA: dovrà indicare il ribasso offerto in misura percentuale sulla base di gara, che dovrà essere espresso in cifre e in lettere (in caso di difformità si prenderà in considerazione l'offerta in lettere), nonché specificare quanto richiesto per tutte le altre componenti della qualità dell’offerta – PRO MEMORIA: nella Oepv è anche possibile limitare la valutazione ai soli elementi qualitativi, mantenendo l’elemento costo fisso e non oggetto di valutazione.
2.      Codesto operatore economico, ai fini dell'offerta, è tenuto a presentare la dichiarazione di accettare le condizioni e le penalità previste e di uniformarsi alle vigenti disposizioni (allegato D).
3.      Codesto operatore economico, inoltre, in apposito documento da inserire nell’ambito della documentazione amministrativa, deve indicare i propri costi aziendali concernenti l'adempimento delle disposizioni in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro.

14.  Documento unico di valutazione dei rischi
1.      Si dà atto che il corrispettivo della prestazione non ricomprende oneri per la sicurezza, trattandosi di attività che, per le sue caratteristiche, non prevede rischi per l’attività dei lavoratori. OPPURE: Si dà atto che il corrispettivo della prestazione ricomprende i seguenti oneri della sicurezza ________
2.      Si dà ulteriore atto che, ai sensi dell’articolo 26, comma 5, del d.lgs 81/2008, dato il basso tenore di rischio non sono stati previsti e computati costi per misure volte a eliminare o ridurre al minimo i rischi in materia di salute e sicurezza sul lavoro derivanti dalle interferenze delle lavorazioni OPPURE che sono state individuate le misure volte a ridurre i rischi di interferenza come da allegato sub E.

15.  Indicazione dei costi della manodopera e degli oneri aziendali sulla sicurezza
1.      Codesto operatore economico, ai sensi dell’articolo 95, comma 10, del d.lgs 50/2016, nell'offerta economica deve indicare i propri costi della manodopera e gli oneri aziendali concernenti l'adempimento delle disposizioni in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro OPPURE. Codesto operatore economico, ai sensi dell’articolo 95, comma 10, del d.lgs 50/2016, nell'offerta economica non deve indicare i propri costi della manodopera e gli oneri aziendali concernenti l'adempimento delle disposizioni in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, trattandosi di fornitura senza posa in opera,           OPPURE di servizio di natura intellettuale OPPURE di affidamento ai sensi dell'articolo 36, comma 2, lettera a).
2.      SOLO SE SONO RICHIESTI I COSTI Questa stazione appaltante, relativamente ai costi della manodopera, prima dell'aggiudicazione verifica il rispetto di quanto previsto all'articolo 97, comma 5, lettera d), del d.lgs 50/2016 e cioè se il costo del personale sia inferiore ai minimi salariali retributivi indicati nelle apposite tabelle di cui all'articolo 23, comma 16, cioè le tabelle elaborate dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali sulla base dei valori economici definiti dalla contrattazione collettiva nazionale tra le organizzazioni sindacali e le organizzazioni dei datori di lavoro comparativamente più rappresentativi, delle norme in materia previdenziale ed assistenziale, dei diversi settori merceologici e delle differenti aree territoriali; in mancanza di contratto collettivo applicabile, il costo del lavoro è determinato in relazione al contratto collettivo del settore merceologico più vicino a quello preso in considerazione.

16.  Norme di gara – esclusioni
1.      Il recapito del plico contenente l’offerta e la restante documentazione rimane ad esclusivo rischio del mittente, ove, per qualsiasi motivo, il plico stesso non giunga a destinazione in tempo utile. La busta grande deve riportare l’indicazione del mittente;
2.      trascorso il termine fissato non viene riconosciuta valida alcuna offerta anche se sostitutiva od aggiuntiva di offerta precedente;
3.      non sono ammesse offerte condizionate o espresse in modo indeterminato o con riferimento ad offerta relativa ad altro appalto. Non sono ammesse, del pari, nel caso di offerte espresse mediante prezzi unitari, quelle mancanti dell’indicazione anche di un solo prezzo unitario;
4.      non è consentita la presentazione di più offerte o di unica offerta con all’interno più proposte;
5.      non sono ammesse offerte in aumento;
6.      non si darà corso all’apertura del plico che non risulti pervenuto entro le ore 12 del giorno fissato come sopra stabilito o sul quale non sia apposto il mittente, la scritta relativa alla specificazione delle prestazioni oggetto della gara, non sia sigillato con ceralacca o altro e non sia controfirmato nei lembi di chiusura;
7.      non sarà ammessa alla gara l’offerta nel caso che manchi o risulti incompleto od irregolare per qualsiasi causa alcuno dei documenti richiesti, laddove l’operatore economico non abbia corretto le irregolarità sanabili mediante il soccorso istruttorio di cui all’articolo 83, comma 9, del d.lgs 50/2016;
8.      non sarà ammessa l’offerta non contenuta nell’apposita busta piccola interna al plico sigillata con ceralacca o altro, controfirmata sui lembi di chiusura e recante l’indicazione del mittente e l’oggetto della gara;
9.      non sono ammesse offerte che recano abrasioni o correzioni nell’indicazione del prezzo offerto;
10.  nel caso che vi siano due o più offerte più basse uguali, si chiederà ulteriore ribasso con successiva lettera d’invito;
11.  il Presidente della gara si riserva la facoltà insindacabile di non far luogo alla gara stessa o di prorogarne la data, dandone comunque comunicazione ai concorrenti, senza che essi possano accampare pretese al riguardo;
12.  la documentazione non in regola con l’imposta di bollo, sarà regolarizzata ai sensi dell’art. 16 del Dpr 955/82 e successive modificazioni ed integrazioni;
13.  qualora siano ammesse due o più offerte, l’aggiudicazione verrà effettuata in favore del concorrente che avrà presentato l’offerta più vantaggiosa;
14.  se verrà ammessa l’offerta di un solo concorrente, l’aggiudicazione sarà effettuata in favore di quest’ultimo;
15.  non sarà ammessa la ditta che non dichiari che non sono ha assunto o non sono ha conferito incarichi di natura professionale a dipendenti pubblici cessati dal servizio negli ultimi tre anni, i quali negli ultimi tre anni precedenti alla cessazione di servizio, hanno esercitato poteri autoritativi o negoziali per conto delle pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del. D.lgs 165/2001.

17.  Offerte irregolari
1.      Sono considerate irregolari le offerte:
a.       che non rispettano i documenti di gara;
b.      che sono state ricevute in ritardo rispetto ai termini indicati nel bando o nell'invito con cui si indice la gara;
c.       che l'amministrazione aggiudicatrice ha giudicato anormalmente basse.

18.  Offerte inammissibili
1.      Sono considerate inammissibili le offerte:
a.       in relazione alle quali la commissione giudicatrice ritenga sussistenti gli estremi per informativa alla Procura della Repubblica per reati di corruzione o fenomeni collusivi;
b.      che non hanno la qualificazione necessaria;
c.       il cui prezzo supera l'importo posto dall'amministrazione aggiudicatrice a base di gara, stabilito e documentato prima dell'avvio della procedura di appalto.

19.  Avvertenze
1.      Non saranno prese in considerazione le offerte che perverranno oltre il termine indicato o prive del contenuto o della documentazione richiesta. Si darà corso all'apertura delle buste anche se perverrà una sola offerta o se una sola offerta abbia i requisiti di ammissibilità necessari.

20.  Documenti di gara
1.      L'indirizzo elettronico al quale sono stati resi direttamente disponibili per via elettronica i documenti di gara è il seguente: ______

21.  Garanzie
1.      L'offerta è corredata da una garanzia fideiussoria, denominata "garanzia provvisoria" pari al 2 per cento del prezzo base di gara; tale garanzia può essere prestata a scelta dell’operatore economico in contanti, con bonifico, in assegni circolari o in titoli del debito pubblico garantiti dallo Stato al corso del giorno del deposito, presso una sezione di tesoreria provinciale o presso le aziende autorizzate, a titolo di pegno a favore dell'amministrazione aggiudicatrice.
2.      OPPURE L'offerta è corredata da una garanzia fideiussoria, denominata "garanzia provvisoria" pari al 2 per cento del prezzo base di gara; tale garanzia può essere prestata a scelta dell’operatore economico in contanti, con bonifico, in assegni circolari o in titoli del debito pubblico garantiti dallo Stato al corso del giorno del deposito, presso una sezione di tesoreria provinciale o presso le aziende autorizzate, a titolo di pegno a favore dell'amministrazione aggiudicatrice. Questa stazione appaltante si è avvalsa della facoltà prevista dall’articolo 93, comma 1, del d.lgs 50/2016 di rendere l'importo della garanzia proporzionato e adeguato alla natura delle prestazioni oggetto del contratto e al grado di rischio ad esso connesso, incrementando/diminuendo l’importo della garanzia provvisoria fino all’1%-4%, perché ______________.
3.      Si applicano tutte le altre disposizioni contenute nell’articolo 93 del d.lgs 50/2016, cui si fa espresso rinvio.
4.      Qualora codesto operatore economico risulterà aggiudicatario, dovrà costituire la “garanzia definitiva” secondo la disciplina e le indicazioni contenute nell’articolo 103 del d.lgs 50/2016, cui si fa espresso rinvio.

22.  Offerte anormalmente basse
1.      Codesto operatore economico fornisce, su richiesta della stazione appaltante, spiegazioni sul prezzo o sui costi proposti nell’offerta presentata, laddove se questa appaia anormalmente bassa, sulla base di un giudizio tecnico sulla congruità, serietà, sostenibilità e realizzabilità dell'offerta.
2.      EVENTUALE Poiché l’aggiudicazione avviene col criterio del massimo ribasso, la congruità delle offerte è valutata sulle offerte che presentano un ribasso pari o superiore ad una soglia di anomalia determinata in sede di gara mediante sorteggio, ai sensi dell’articolo 97, comma 2, del d.lgs 50/2016. Il calcolo della soglia di anomalia è effettuato solo se il numero delle offerte ammesse sia pari o superiore a cinque.
3.      EVENTUALE Poiché l’aggiudicazione avviene col criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, la congruità delle offerte è valutata sulle offerte che presentano sia i punti relativi al prezzo, sia la somma dei punti relativi agli altri elementi di valutazione, entrambi pari o superiori ai quattro quinti dei corrispondenti punti massimi previsti dal bando di gara.
4.      EVENTUALE Poiché l’importo per remunerare la prestazione in oggetto è inferiore alle soglie di cui all'articolo 35 del d.lgs 50/2016, la stazione appaltante stabilisce di prevedere l'esclusione automatica dalla gara delle offerte che presentano una percentuale di ribasso pari o superiore alla soglia di anomalia individuata ai sensi del comma 2 dell’articolo 97 del d.lgs 50/2016. In tal caso non si applicano i commi 4, 5 e 6 del medesimo articolo 97. Comunque la facoltà di esclusione automatica, ai sensi dell’articolo 97, comma 8, del d.lgs 50/2016, non è esercitabile quando il numero delle offerte ammesse è inferiore a dieci.

23.  Aggiudicazione
1.      L’offerta verrà valutata da un apposito seggio di gara, costituito successivamente alla scadenza per la presentazione, composto dal dirigente/responsabile di servizio, un testimone e un verbalizzante OPPURE dal dirigente/responsabile di servizio/responsabile unico del procedimento.
2.      Le operazioni di valutazione delle offerte saranno oggetto di verbalizzazione. Il verbale si conclude con la proposta di aggiudicazione, rivolta al dirigente/responsabile di servizio, che provvederà ad approvarla previa verifica delle operazioni di gara, entro il termine di ___ dalla ricezione del verbale.
3.      L’aggiudicazione successiva all’approvazione della proposta non equivale ad accettazione dell’offerta. Il rapporto obbligatorio tra questa stazione appaltante e codesto operatore economico, laddove risultasse aggiudicatario, si instaura esclusivamente con la stipulazione del contratto.
4.      L’offerta di codesto operatore economico, qualora risulti aggiudicatario, è irrevocabile fino al termine di 120 giorni da quando è divenuta efficace l’aggiudicazione.
5.      L’aggiudicazione diventa efficace dopo la verifica del possesso dei prescritti requisiti.

24.  Verifica dei requisiti
1.      EVENTUALE Trattandosi di procedura di affidamento ai sensi dell’articolo 36, comma 2, lettere a) e b), del d.lgs 50/2016, questa stazione appaltante verifica esclusivamente i requisiti di carattere generale e tecnico professionali (se richiesti) nei confronti dell’aggiudicatario esclusivamente OPPURE anche nei confronti degli altri partecipanti che saranno allo scopo estratti a sorte.

25.  Prezzo contrattuale
1.      Trattandosi di prestazione remunerata “a corpo” il prezzo contrattuale è quello complessivo offerto, che rimane fisso e non può variare in aumento o in diminuzione, secondo la qualità e la quantità effettiva delle attività svolte.          
OPPURE Trattandosi di prestazione remunerata “a misura” il prezzo convenuto può variare, in aumento o in diminuzione, secondo la quantità effettiva delle attività svolte. Per le prestazioni a misura il contratto fissa i prezzi invariabili per l'unità di misura, che costituiscono i prezzi contrattuali
OPPURE Trattandosi di prestazione remunerata parte a corpo e parte a misura:
a.       per quanto riguarda le attività “a corpo” il prezzo contrattuale è quello complessivo offerto, che rimane fisso e non può variare in aumento o in diminuzione, secondo la qualità e la quantità effettiva delle attività svolte;
b.      per quanto riguarda le attività “a misura” il prezzo convenuto può variare, in aumento o in diminuzione, secondo la quantità effettiva delle attività svolte. Per le prestazioni a misura il contratto fissa i prezzi invariabili per l'unità di misura, che costituiscono i prezzi contrattuali.

26.  Stipula del contratto
1.      Il contratto non può comunque essere stipulato prima di trentacinque giorni dall'invio dell'ultima delle comunicazioni del provvedimento di aggiudicazione.
2.      OPPURE Il contratto potrà essere stipulato senza attendere il conseguimento del termine dilatorio di cui all’articolo 32, comma 9, del d.lgs 50/2016, poiché SCEGLIERE L’OPZIONE:
a.       a seguito della pubblicazione di bando o avviso con cui si è indetta la gara o dell'inoltro degli inviti a presentare offerte, è stata presentata o è stata ammessa una sola offerta e non sono state tempestivamente proposte impugnazioni del bando o della lettera di invito o queste impugnazioni risultano già respinte con decisione definitiva;
b.      si tratta:
                                                              i.       di un appalto basato su un accordo quadro di cui all'articolo 54 del d.lgs 50/2016;
                                                            ii.       di appalti specifici basati su un sistema dinamico di acquisizione di cui all'articolo 55 del d.lgs 50/2016;
                                                          iii.       di acquisto effettuato attraverso il mercato elettronico;
                                                          iv.       di affidamento effettuato ai sensi dell’articolo 36, comma 2, lettere a) e b), del d.lgs 50/2016.
3.      La stipulazione del contratto avverrà SCEGLIERE L’OPZIONE OPPORTUNA:
c.       con atto pubblico notarile informatico;
                                                              i.      in modalità elettronica secondo le norme vigenti per ciascuna stazione appaltante:
                                                            ii.      in forma pubblica amministrativa a cura dell'ufficiale rogante della stazione appaltante;
d.      mediante scrittura privata in caso di procedura negoziata:
                                                              i.      autenticata dal segretario comunale ai sensi dell’articolo 21, comma 4, del dpr 465/1997;
                                                            ii.      non autenticata (residua ancora il dubbio se in questo caso sia obbligatoria la modalità elettronica, ma è opportuno ritenere di sì);
e.       col metodo della corrispondenza secondo l’uso del commercio consistente in un apposito scambio di lettere, anche tramite posta elettronica certificata o strumenti analoghi negli altri Stati membri per gli affidamenti di importo non superiore a 40.000 euro.
4.      La stipulazione del contratto avviene nella forma elettronica dello scambio di lettere di proposta e accettazione secondo gli usi commerciali e si perfeziona con la sottoscrizione da parte del Dirigente Coordinatore dell'Area Servizi alla Comunità e alla Persona della presente lettera sottoscritta e controfirmata.
5.      Ai fini della stipulazione del contratto l'offerente dichiara di essere in possesso di firma digitale del soggetto dotato di poteri negoziali o, in alternativa, di un indirizzo di posta certificata. In questo caso il contratto sarà stipulato su supporto elettronico, alternativamente:
1) mediante firma e controfirma digitale del file elettronico del contratto, anche, eventualmente, scambiato via e-mail ordinaria;
La Ditta dichiara di essere in possesso di firma digitale del soggetto dotato di poteri negoziali
□ SI  □ NO
2) mediante trasmissione via posta elettronica certificata del file del contratto da parte dell'aggiudicatario e successiva ritrasmissione per accettazione, sempre tramite PEC, della stazione appaltante, secondo gli usi commerciali;
La Ditta dichiara di essere in possesso di PEC (Posta Elettronica Certificata)
□ SI (inserire indirizzo)_______________________________________________________
□ NO
6.      Laddove l'offerente dichiari di non essere in possesso della firma digitale, né di altra strumentazione per la sottoscrizione di un documento elettronico, né di un indirizzo di posta elettronica certificata, la scrittura privata verrà sottoscritta su supporto cartaceo.

27.  Durata del contratto – Proroga tecnica
1.      Il Contratto avrà durata dalla stipulazione della lettera commerciale sino al termine della effettuazione delle attività oggetto dell’affidamento e comunque entro il …....................
2.      Il contratto sarà a termine senza necessità di disdetta da parte della stazione appaltante.
3.      Si prevede la possibilità di modificare, mediante proroga, la durata del contratto purchè ancora in corso di esecuzione e, cioè, nel caso in cui la prestazione non sia stata ultimata. La proroga è limitata al tempo strettamente necessario alla conclusione delle procedure necessarie per l'individuazione di un nuovo contraente.
4.      Qualora ci si avvalga della proroga, codesto operatore economico laddove risulti aggiudicatario e contraente, sarà tenuto all'esecuzione delle prestazioni previste nel contratto agli stessi prezzi, patti e condizioni o più favorevoli per la stazione appaltante.

28.  Esecuzione del contratto.
1.      L’esecuzione del contratto può avere inizio solo dopo che lo stesso è divenuto efficace, salvo che, in casi di urgenza, la stazione appaltante ne chieda l’esecuzione anticipata, nei modi e alle condizioni previste all’articolo 32, comma 8, del d.lgs 50/2016.

29.  Subappalto.
1.      L’appaltatore esegue in proprio le opere o i lavori, i servizi, le forniture compresi nel contratto.
2.      Il contratto non può essere ceduto a pena di nullità, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 106, comma 1, lettera d)[5], del d.lgs 50/2016.
3.      E' ammesso il subappalto secondo le disposizioni dell’articolo 105 del d.lgs 50/2016, cui si fa integralmente rinvio, con particolare riferimento al comma 4 ai sensi del quale l’appaltatore può affidare in subappalto le opere o i lavori, i servizi o le forniture compresi nel contratto, previa autorizzazione della stazione appaltante purché:
a.       l'affidatario del subappalto non abbia partecipato alla procedura per l'affidamento dell'appalto;
b.      il subappaltatore sia qualificato nella relativa categoria;
c.       all'atto dell'offerta siano stati indicati i lavori o le parti di opere ovvero i servizi e le forniture o parti di servizi e forniture che si intende subappaltare;
d.      il concorrente dimostri l'assenza in capo ai subappaltatori dei motivi di esclusione di cui all'articolo 80.

Pro memoria. La sentenza della Cgue, Terza sezione, 14/7/2016, nella causa C-406/14 ha indicato quanto segue: “La direttiva 2004/18/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 31 marzo 2004, relativa al coordinamento delle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di lavori, di forniture e di servizi, come modificata dal regolamento (CE) n. 2083/2005 della Commissione, del 19 dicembre 2005, deve essere interpretata nel senso che un’amministrazione aggiudicatrice non è autorizzata ad imporre, mediante una clausola del capitolato d’oneri di un appalto pubblico di lavori, che il futuro aggiudicatario esegua una determinata percentuale dei lavori oggetto di detto appalto avvalendosi di risorse proprie”. Sostanzialmente, occorre concludere per l’illegittimità di clausole del bando che vietino il subappalto.

30.  Modalità di pagamento
1.      Il pagamento del corrispettivo avverrà su presentazione di fattura.
2.      EVENTUALE (CANCELLARE QUANTO NON INTERESSA) Si prevede:
1.      di escludere di ricorrere, ai fini dei pagamenti, alla compilazione di stati di avanzamento dei lavori, trattandosi per altro di  fornitura di materiale di consumo di volta in volta necessario per lo svolgimento delle lezioni nei laboratori didattici;
2.      di escludere di effettuare la verifica di conformità ai sensi dell’articolo 312 del dpr 207/2010;
3.      di porre in essere per la prestazione svolta il solo accertamento della prestazione effettuata, ai sensi dell’articolo 307 del dpr 207/2010, su dichiarazione della conformità della fornitura da parte del Direttore dei Centri di formazione professionale provinciali, come conferma dell’eseguita prestazione;
4.      di considerare assorbito l’avvio dell’esecuzione del contratto, di cui agli articoli 303 e 304 del dpr 207/2010 dalla lettera d’ordine;
5.      di considerare assorbito il certificato di ultimazione dei lavori di cui all’articolo 309 del dpr 207/2010 dal positivo accertamento di regolare esecuzione di cui all’articolo 307/2010;
6.      di considerare assorbito dal medesimo ultimo positivo accertamento di regolare esecuzione di cui all’articolo 307/2010 anche l’attestazione di regolare esecuzione, di cui all’articolo 325 del dpr 207/2010.
3.      NEL CASO DI CONTRATTI DI DURATA. Si adotterà uno stato di avanzamento delle attività ogni ______ mesi, cui conseguirà l’emissione del certificato di pagamento o approvazione dell’andamento delle attività entro i successivi 45 giorni.
La verifica delle prestazioni sarà effettuata entro 30 giorni dal completamento della fornitura.  L’operatore economico aggiudicatario, dovrà comunicare l’avvenuto completamento della prestazione per iscritto mediante posta elettronica certificata all’indirizzo __________, oppure con nota sottoscritta con firma digitale da parte del legale rappresentante della ditta o suo incaricato inviata via mail anche non certificata alla mail del responsabile del procedimento della stazione appaltante all’indirizzo _________, oppure tramite fax al n. ______________.
4.      Esemplificativamente lo schema per il pagamento è il seguente:
-         stato di avanzamento della prestazione della fornitura/del servizio di ______
-         certificato di pagamento o verifica della prestazione entro 10 giorni (b) – b = a+10;
-         acquisizione DURC entro 40 giorni da SAL (c) - c= a+40;
-         acquisizione fattura a seguito esito favorevole (d) – d = b+15;
-         liquidazione non oltre 10 giorni da acquisizione DURC (e) – e= c+10;
5.      Si specifica che è interesse dell'aggiudicatario trasmettere la fattura il più celermente possibile, dopo l'esito favorevole della verifica, per consentire che il pagamento avvenga nei 30 giorni dalla verifica stessa.
6.      EVENTUALE, NEL CASO DI PRESTAZIONI DI DURATA (tipicamente, servizi) Sull’importo netto progressivo delle prestazioni è operata una ritenuta dello 0,50 per cento; le ritenute possono essere svincolate soltanto in sede di liquidazione finale, dopo l'approvazione da parte della stazione appaltante del certificato di collaudo o di verifica di conformità, previo rilascio del documento unico di regolarità contributiva.
7.      Laddove nel corso della verifica o dell’istruttoria per la liquidazione emergano irregolarità dal documento unico di regolarità contributiva che non consentano a questa stazione appaltante il pagamento, si attiverà l’intervento sostitutivo, di cui all’articolo 31, comma 3, del d.l. 69/2013, convertito in legge 98/2013.
8.      Tutte le fatture dovranno specificare dettagliatamente l’oggetto della prestazione a cui si riferiscono e il numero di impegno comunicato all'aggiudicatario da parte della stazione appaltante.
9.      L’appaltatore potrà trasmettere le fatture per il pagamento al seguente indirizzo di posta elettronica certificata: _______. Ogni messaggio di posta elettronica potrà avere come allegato una sola fattura, dovrà indicare nell’oggetto il numero della fattura stessa e dovrà essere indirizzato per conoscenza al responsabile del procedimento.
10.  La stazione appaltante effettuerà i pagamenti mediante mandati emessi sul proprio tesoriere, ___________. Codesto operatore economico potrà richiedere eventuali modalità di pagamento diverse da quelle per cassa1 con lettera indirizzata alla stazione appaltante, in occasione della presentazione della prima fattura di pagamento. Tale richiesta sarà considerata valida fino a diversa comunicazione.
11.  All'esito positivo del collaudo o della verifica di conformità il responsabile unico del procedimento rilascia il certificato di pagamento ai fini dell'emissione della fattura da parte dell'appaltatore. Il certificato di pagamento è rilasciato nei termini di cui all'articolo 4, commi 2, 3, 4 e 5 del decreto legislativo 9 ottobre 2002, n. 231, e non costituisce presunzione di accettazione dell'opera, ai sensi dell'articolo 1666, secondo comma, del codice civile.

31.  Obblighi per la tracciabilità dei pagamenti
1. In ottemperanza a quanto previsto dalla legge 136/2010, e successive modificazioni ed integrazioni, in materia di normativa antimafia, ai fini della tracciabilità dei pagamenti codesta Ditta:
1.   ottempera scegliendo una tra le seguenti ipotesi:
a.   dichiara:
                                    i.   di aver acceso il seguente conto corrente bancario o postale dedicato (o averlo adattato, se già esistente), anche non in via esclusiva, precisando che si tratta di un conto già operativo, con questi estremi: ____________________________________________________________;
                                    ii.  che le generalità e il codice fiscale delle persone delegate ad operare su di esso sono le seguenti: _____________________________________________;
                                    iii. che si obbliga a comunicare ogni modifica relativa ai dati trasmessi;
b.   si obbliga:
                                    i.   a comunicare gli estremi identificativi del conto dedicato entro 7 (sette) giorni dalla sua accensione;
                                    ii.  a comunicare le generalità e il codice fiscale delle persone delegate ad operare su di esso;
                                    iii. a comunicare ogni modifica relativa ai dati trasmessi;
c.   si obbliga:
                                    i.   a comunicare gli estremi identificativi del conto dedicato entro 7 (sette) giorni dalla prima utilizzazione;
                                    ii.  a comunicare le generalità e il codice fiscale delle persone delegate ad operare su di esso;
                                    iii. a comunicare ogni modifica relativa ai dati trasmessi;
2.   si obbliga a registrare tutti i movimenti finanziari relativi all'appalto oggetto del contratto sul conto corrente o postale dedicato indicato sopra, che, salvo quanto previsto dall'articolo 3, comma 3, della legge 136/2010, devono essere effettuati esclusivamente tramite lo strumento del bonifico bancario o postale;
3.   si obbliga ad inserire in eventuali contratti di subappalto o di subfornitura una clausola con la quale i propri subcontraenti assumano gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla legge 136/2010, a pena di nullità assoluta dei contratti medesimi;
4.   si obbliga a trasmettere o, comunque, a mettere a disposizione della stazione appaltante gli eventuali contratti di subappalto o di subfornitura, affinché la stazione appaltante medesima verifichi il rispetto dell’obbligo di inserire la clausola di cui sopra;
5.   si obbliga a risolvere immediatamente il rapporto contrattuale con il/i proprio/i eventuale/i subappaltatore/i o il/i propri subcontraente/i, qualora abbia notizia che questi abbiano violato gli obblighi sulla tracciabilità finanziaria imposti dalla legge 136/2010, informando di ciò contestualmente la stazione appaltante e la prefettura-ufficio territoriale del Governo territorialmente competente.
6.    prende atto che il mancato utilizzo del bonifico bancario o postale ovvero degli altri strumenti idonei a consentire la piena tracciabilità delle operazioni costituisce causa di risoluzione del contratto da parte della stazione appaltante; questa, laddove riscontri l’inadempimento al divieto di cui al presente comma comunicherà per iscritto, tramite raccomandata A/R o posta elettronica certificata a codesto Ente l’intenzione di avvalersi della presente clausola risolutiva. In questo caso, il contratto si intenderà risolto con la ricezione della citata dichiarazione di avvalersi della risoluzione.

 

32.  Penali e mezzi di tutela
1.      E’ prevista l’applicazione di una penale per il ritardo nell'esecuzione delle prestazioni contrattuali da parte dell'appaltatore commisurata ai giorni di ritardo e proporzionale rispetto all'importo del contratto o alle prestazioni del contratto.
2.      La penale dovuta per il ritardato adempimento è calcolata nella misura del ____‰ dell’ammontare netto del ritardo (va determinata in misura giornaliera compresa tra lo 0,3 per mille e l'1 per mille dell'ammontare netto contrattuale da determinare in relazione all'entità delle conseguenze legate al ritardo).
3.      Le penali non possono comunque superare, complessivamente, il 10% dell’ammontare netto contrattuale.

33.  Interessi moratori
1.      Gli interessi moratori sono determinati nella misura degli interessi legali di mora, ai sensi dell'articolo 5, comma 2, del decreto legislativo 9 ottobre 2002, n. 231 e successive modificazioni ed integrazioni, maggiorato di 8 punti.
2.      Il tasso di riferimento è così determinato:
a) per il primo semestre dell'anno cui si riferisce il ritardo, è quello in vigore il 1° gennaio di quell'anno;
b) per il secondo semestre dell'anno cui si riferisce il ritardo, è quello in vigore il 1° luglio di quell'anno.

34.  Risoluzione del contratto
1.      Se la fornitura non sarà conforme al capitolato tecnico allegato sub B alla presente e non sarà eseguita nel rispetto del contratto e delle indicazioni del direttore dell'esecuzione, la stazione appaltante avrà facoltà di fissare un termine entro il quale il contraente dovrà conformarsi alle condizioni previste nell’offerta.
2.      Nel mancato rispetto del suddetto termine, la stazione appaltante, ove non ritenga di effettuare il ricorso all’esecuzione in danno, previa semplice comunicazione, potrà risolvere il contratto come previsto dagli articoli 1454 e 1456 del codice civile, salvo in ogni caso il risarcimento dei danni.

35.  Recesso
1.      Ai sensi dell'art. 1671 C.C. la stazione appaltante può recedere dal contratto, anche se è stata iniziata la prestazione contrattuale, purchè tenga indenne l'operatore economico delle spese sostenute, dei lavori eseguiti e del mancato guadagno.

36.  Collaudo e verifiche di conformità
1.      Trattandosi di fornitura/servizio, si procederà a verifica di conformità, nel rispetto delle disposizioni dell’articolo 102 del d.lgs 50/2016, cui si fa integralmente rinvio.

37.  Controversie
1.      Eventuali controversie, che non potessero essere definite a livello di accordo bonario, saranno di competenza dell’autorità giudiziaria ordinaria. Foro competente è quello di ____.

38.  Domicilio
1.      L’operatore economico Ditta elegge il proprio domicilio presso la sede della stazione appaltante ____________ per tutta la durata della prestazione contrattuale.


39.  Informativa ai sensi del D. lgs. 30/06/03, n. 196, codice sulla privacy
1.      Ai sensi della normativa sopra indicata si informa che:
a)      le finalità e le modalità di trattamento cui sono destinati i dati raccolti ineriscono al procedimento in oggetto;
b)      il conferimento dei dati costituisce presupposto necessario per la partecipazione alla gara;
c)      l’eventuale rifiuto a rispondere comporta esclusione dal procedimento in oggetto;
d)     i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati sono: il personale interno dell’Amministrazione implicato nel procedimento; ogni altro soggetto che abbia interesse ai sensi del D.Lgs n. 267/2000 e della L. n. 241/1990; i soggetti destinatari delle comunicazioni previste dalla legge in materia di forniture; gli organi dell’autorità giudiziaria;
e)      i diritti spettanti all’interessato sono quelli di cui all’art. 7 del d.lgs. 30/06/03, n. 1964;
f)       “titolare” è il comune/la Provincia di ____ con sede in ______, il “responsabile” è il dirigente/responsabile di servizio _____.

40.  Responsabile esterno del trattamento dati
1.      In caso di aggiudicazione, codesto operatore economico dovrà svolgere il ruolo di responsabile esterno dei dati e avrà l'obbligo di attenersi alle indicazioni pubblicate alla pagina “privacy” del profilo del Comune/della Provincia www._________ e di comunicare i nominativi dei dipendenti incaricati del trattamento dei dati.

41.  Funzionario responsabile per la verifica della prestazione
1.      Il responsabile del procedimento è il …......, ….....................
2.      Il direttore dell'esecuzione del contratto e responsabile del procedimento è il …......, ….....................




Il Dirigente/Responsabile di servizio
_________________

(timbro della ditta e firma del legale rappresentante)

____________________________________________





Comune di/Provincia di ____

 

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL'ATTO DI NOTORIETA'

(Art. 47 Dpr 445/2000 – art. 53, c 16-ter[6], d.lgs 165/2001)


Io sottoscritto/a ___________________________________________________________________
nato/a in _______________________________________________________________________________
con residenza nel Comune di _______________________________________________________________
via ______________________________________________________________, n. ___________________
consapevole delle responsabilità e delle sanzioni penali previste dall'articolo 76[7] del Dpr 445/2000 per false attestazioni e dichiarazioni mendaci e sotto la mia personale responsabilità

DICHIARO:

 Di non aver assunto alle proprie dipendenze o di non aver conferito incarichi professionali o di collaborazione con dipendenti pubblici cessati dal servizio da meno di tre anni e che negli ultimi 3 anni precedenti la cessazioni dal servizio abbiano, nell’esercizio di attività lavorativa con amministrazioni pubbliche, esercitato poteri autoritativi o negoziali e di prendere atto che i contratti conclusi e gli incarichi conferiti in violazione di quanto dichiarato qui sono nulli e che è fatto divieto ai soggetti privati che li hanno conclusi o conferiti di contrattare con le pubbliche amministrazioni per i successivi tre anni, con obbligo di restituzione dei compensi eventualmente percepiti e accertati ad essi riferiti

 Di aver assunto alle proprie dipendenze o di aver conferito incarichi professionali o di collaborazione con persone che negli ultimi 3 anni abbiano, nell’esercizio di attività lavorativa con il Comune di/la Provincia di ______, esercitato poteri autoritativi o negoziali. In particolare si comunica:
Nome e cognome
Data di cessazione del rapporto con il Comune di/la Provincia di ______
Tipo di rapporto con lo scrivente (subordinato, professionale, collaborazione, etc)
Data di assunzione o di avvio del rapporto












Si prende atto che i contratti conclusi e gli incarichi conferiti in violazione di quanto dichiarato qui sono nulli e chè è fatto divieto ai soggetti privati che li hanno conclusi o conferiti di contrattare con le pubbliche amministrazioni per i successivi tre anni, con obbligo di restituzione dei compensi eventualmente percepiti e accertati ad essi riferiti



Lì, _________ il _____________              ________________________________________
                                         IL/LA DICHIARANTE (firma per esteso e leggibile)




[1] Allegato XVII Mezzi di prova dei criteri di selezione
Parte I: Capacità economica e finanziaria
Di regola, la capacità economica e finanziaria dell'operatore economico può essere provata mediante una o più delle seguenti referenze:
a) idonee dichiarazioni bancarie o, se del caso, comprovata copertura assicurativa contro i rischi professionali;
b) presentazione dei bilanci o di estratti di bilancio, qualora la pubblicazione del bilancio sia obbligatoria in base alla legislazione del paese di stabilimento dell'operatore economico;
c) una dichiarazione concernente il fatturato globale e, se del caso, il fatturato del settore di attività oggetto dell'appalto, al massimo per gli ultimi tre esercizi disponibili in base alla data di costituzione o all'avvio delle attività dell'operatore economico, nella misura in cui le informazioni su tali fatturati siano disponibili.
[2] Allegato XVII Mezzi di prova dei criteri di selezione
Parte II: Capacità tecnica
Mezzi per provare le capacità tecniche degli operatori economici di cui all'articolo 83:
a) i seguenti elenchi:
i) un elenco dei lavori eseguiti negli ultimi cinque anni; tale elenco è corredato di certificati di corretta esecuzione e buon esito dei lavori più importanti; se necessario per assicurare un livello adeguato di concorrenza, le amministrazioni aggiudicatrici possono precisare che sarà presa in considerazione la prova relativa ai lavori analoghi realizzati più di cinque anni prima;
ii) un elenco delle principali forniture o dei principali servizi effettuati negli ultimi tre anni, con indicazione dei rispettivi importi, date e destinatari, pubblici o privati. Se necessario per assicurare un livello adeguato di concorrenza, le amministrazioni aggiudicatrici possono precisare che sarà preso in considerazione la prova relativa a forniture o a servizi forniti o effettuati più di tre anni prima;
b) l'indicazione dei tecnici o degli organismi tecnici, che facciano o meno parte integrante dell'operatore economico, e più particolarmente di quelli responsabili del controllo della qualità e, per gli appalti pubblici di lavori, quelli di cui l'imprenditore disporrà per l'esecuzione dell'opera;
c) una descrizione delle attrezzature tecniche e delle misure adottate dall'operatore economico per garantire la qualità, nonché degli strumenti di studio e di ricerca della sua impresa;
d) un'indicazione dei sistemi di gestione e di tracciabilità della catena di approvvigionamento che l'operatore economico potrà applicare durante l'esecuzione del contratto;
e) qualora i prodotti da fornire o i servizi da prestare siano di natura complessa o, eccezionalmente, siano richiesti per una finalità particolare, una verifica eseguita dall'amministrazione aggiudicatrice
o, per suo conto, da un organismo ufficiale competente del paese in cui il fornitore o il prestatore dei servizi è stabilito, purché tale organismo acconsenta; la verifica verte sulle capacità di produzione del fornitore e sulla capacità tecnica del prestatore di servizi e, se necessario, sugli strumenti di studio e di ricerca di cui egli dispone, nonché sulle misure adottate per garantire la qualità;
f) l'indicazione dei titoli di studio e professionali del prestatore di servizi o dell'imprenditore o dei dirigenti dell'impresa, a condizione che non siano valutati tra i criteri di aggiudicazione;
g) un'indicazione delle misure di gestione ambientale che l'operatore economico potrà applicare durante l'esecuzione del contratto;
h) una dichiarazione indicante l'organico medio annuo dell'imprenditore o del prestatore di servizi e il numero dei dirigenti durante gli ultimi tre anni;
i) una dichiarazione indicante l'attrezzatura, il materiale e l'equipaggiamento tecnico di cui l'imprenditore o il prestatore di servizi disporrà per eseguire l'appalto;
j) un'indicazione della parte di appalto che l'operatore economico intende eventualmente subappaltare;
k) per i prodotti da fornire:
i) campioni, descrizioni o fotografie la cui autenticità deve poter essere certificata a richiesta dall'amministrazione aggiudicatrice;
ii) certificati rilasciati da istituti o servizi ufficiali incaricati del controllo della qualità, di riconosciuta competenza, i quali attestino la conformità di prodotti ben individuati mediante riferimenti a determinate specifiche tecniche o norme.
[3] PRO MEMORIA: articolo 51, commi 3 e 4, del d.lgs 50/2016: DA CANCELLARE SE NON SI UTILIZZA
3. Le stazioni appaltanti possono, anche ove esista la possibilità di presentare offerte per alcuni o per tutti i lotti, limitare il numero di lotti che possono essere aggiudicati a un solo offerente, a condizione che il numero massimo di lotti per offerente sia indicato nel bando di gara o nell'invito a confermare interesse, a presentare offerte o a negoziare. Nei medesimi documenti di gara indicano, altresì, le regole o i criteri oggettivi e non discriminatori che intendono applicare per determinare quali lotti saranno aggiudicati, qualora l'applicazione dei criteri di aggiudicazione comporti l'aggiudicazione ad un solo offerente di un numero di lotti superiore al numero massimo.
4. Le stazioni appaltanti possono aggiudicare appalti che associano alcuni o tutti i lotti al medesimo offerente, qualora abbiano specificato, nel bando di gara o nell'invito a confermare interesse, che si riservano tale possibilità e indichino i lotti o gruppi di lotti che possono essere associati, nonché le modalità mediante cui effettuare la valutazione comparativa tra le offerte sui singoli lotti e le offerte sulle associazioni di lotti.
[4] Se ne riporta il testo:
Art. 52. (Regole applicabili alle comunicazioni)
1. “Nei settori ordinari e nei settori speciali, tutte le comunicazioni e gli scambi di informazioni di cui al presente codice sono eseguiti utilizzando mezzi di comunicazione elettronici in conformità con quanto disposto dal presente comma e dai commi da 2 a 9, nonché dal Codice dell’amministrazione digitale di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82. Gli strumenti e i dispositivi da utilizzare per comunicare per via elettronica, nonché le relative caratteristiche tecniche, hanno carattere non discriminatorio, sono comunemente disponibili e compatibili con i prodotti TLC generalmente in uso e non limitano l'accesso degli operatori economici alla procedura di aggiudicazione”.
3     “Qualora l'interessato sia in possesso di un documento di identità o di riconoscimento non in corso di validità, gli stati, le qualità personali e i fatti in esso contenuti possono essere comprovati mediante esibizione dello stesso, purché l'interessato dichiari, in calce alla fotocopia del documento, che i dati contenuti nel documento non hanno subito variazioni dalla data del rilascio (art. 45, comma 3, DPR 445/2000).”

[5] Un nuovo contraente può sostituire quello a cui la stazione appaltante aveva inizialmente aggiudicato l'appalto a causa di una delle seguenti circostanze:
1) una clausola di revisione inequivocabile in conformità alle disposizioni di cui alla lettera a);
2) all'aggiudicatario iniziale succede, per causa di morte o per contratto, anche a seguito di ristrutturazioni societarie, comprese rilevazioni, fusioni, scissioni, acquisizione o insolvenza, un altro operatore economico che soddisfi i criteri di selezione qualitativa stabiliti inizialmente, purché ciò non implichi altre modifiche sostanziali al contratto e non sia finalizzato ad eludere l'applicazione del presente codice;
3) nel caso in cui l'amministrazione aggiudicatrice o l'ente aggiudicatore si assuma gli obblighi del contraente principale nei confronti dei suoi subappaltatori.
4              1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
                2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
                3. L'interessato ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
                4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
[6] D.lgs 165/2001, art. 53, comma 16-ter:
I dipendenti che, negli ultimi tre anni di servizio, hanno esercitato poteri autoritativi o negoziali per conto delle pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, non possono svolgere, nei tre anni successivi alla cessazione del rapporto di pubblico impiego, attività lavorativa o professionale presso i soggetti privati destinatari dell’attività della pubblica amministrazione svolta attraverso i medesimi poteri. I contratti conclusi e gli incarichi conferiti in violazione di quanto previsto dal presente comma sono nulli ed è fatto divieto ai soggetti privati che li hanno conclusi o conferiti di contrattare con le pubbliche amministrazioni per i successivi tre anni con obbligo di restituzione dei compensi eventualmente percepiti e accertati ad essi riferiti
[7]Art. 76 del Dpr 445/2000:
(Norme penali).
1.        Chiunque rilascia dichiarazioni mendaci, forma atti falsi o ne fa uso nei casi previsti dal presente testo unico è punito ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia.
2.        L'esibizione di un atto contenente dati non più rispondenti a verità equivale ad uso di atto falso.
3.        Le dichiarazioni sostitutive rese ai sensi degli articoli 46 e 47 e le dichiarazioni rese per conto delle persone indicate nell'articolo 4, comma 2, sono considerate come fatte a pubblico ufficiale.
4.       Se i reati indicati nei commi 1, 2 e 3 sono commessi per ottenere la nomina ad un pubblico ufficio o l'autorizzazione all'esercizio di una professione o arte, il giudice, nei casi più gravi, può applicare l'interdizione temporanea dai pubblici uffici o dalla professione e arte.

3 commenti:

  1. Con riferimento al criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa di cui al superiore punto 3.2 b), il nuovo comma 10 bis dell'articolo 95 potrebbe interpretarsi comme sostanziale obbligo di doppia riparametrazione nel caso di ripartizione di bando 70% offerta tecnica e 30 % offerta economica? Perchè che si diano 30 punti alla migliore offerta economica è in genere scontato e certo, così come è scontato (ma non certo) che difficilmente, senza doppia riparametrazione, un'impresa arrivi a totalizzare 70 punti per l'offerta tecnica (tranne che non sia la migliore per TUTTI i requisiti tecnici)e quindi, in tal modo, l'offerta economica peserebbe a consuntivo più del 30%, in violazione (o semplice elusione) del disposto dell'art. 95 comma 10 bis. La pongo come riflessione.

    RispondiElimina
  2. Andrebbe riparametrato effettivamente.

    RispondiElimina
  3. stiamo per emettere gli atti di una gara con il criterio dell' offerta economicamente piu'vantaggiosa ( 70 punti tecnica - 30 economica) l'altro giorno ho letto di un ricorso di una ditta sul fatto che la commissione di gara non aveva riparametrato l'offerta tecnica, e cosi' facendo la ricorrente aveva perso. la stessa lamentava che il fattore prezzo aveva avuto di fatto un peso relativamente maggiore rispetto al fattore qualita' "
    Quando si parla di doppia riparametrazione operativamente cosa si intende ?
    quanto all'offerta tecnica significa far attribuire per ogni criterio ad ogni commissario di gara un coefficiente da 0 a 1 ?
    ( noi lo facciamo solo per le parti lasciate alla valutazione discrizionali della commissione: migliorie , possesso certificazione di qualita?) mentre per quanto riguarda i punteggi che attribuisce automaticamente la piattaforma sintel in base a quello che offrono i concorrenti ( esempio se chiediamo che la manutenzione venga resa in 3 ore dalla chiamata  oppure 4 ore ed il concorrente biffa 3 ore, si " accaparra " il punteggio previsto per quella risposta , mentre il concorrente che biffera' quattro ore avra' un punteggio inferiore: dovremmo quindi riparametrare anche questo punteggio automatico di Sintel ?
    inoltre ,visto del il Dott. Olivieri parla di "doppia " riparametrazione, si allude anche all'offerta economica ? quale sarebbe in tal caso la formula da utilizzare tenuto conto che la commissione gia'  operera' su due formule economiche , una che da 25 punti su un elemento e l'altra 5 punti per un altro elemento?

    RispondiElimina

Printfriendly